Desk

Tra i due, qual'è...

...la differenza? Nessuna.
Entrambi, infatti, sono stati disegnati con la stessa cura, con i componenti delle nostre librerie 2D e 3D costruite meticolosamente nel tempo e con tutta l'esperienza maturata in tanti anni di progettazione.
Le aziende che si avvalgono della nostra collaborazione, trovano ormai molto conveniente affidarci anche i circuiti più semplici, per potersi finalmente dedicare in pieno alla progettazione circuitale e liberarsi delle problematiche legate allo sviluppo del Circuito Stampato.

Il costo della progettazione del PCB è spesso considerato oneroso. Nel nostro caso questo concetto può essere ribaltato: la nostra stuttura snella e 'modulare' e la qualità finale del lavoro contribuiscono decisamente al contenimento dei costi.
La sensazione di risparmiare denaro cedendo alla tentazione di realizzare da sé il PCB, considerando più che sufficiente l'utilizzo di un software adatto ed un po' di pratica, è solo, appunto, una sensazione!

Per una panoramica completa sui servizi offerti, clicca >>qui.

Disegnare PCB

Progettare e disegnare Circuiti Stampati (PCB, Printed Circuit Board) è un'attività che coinvolge tutta una serie di competenze, molto diverse tra loro, necessarie al corretto svolgimento del lavoro e al raggiungimento di un prodotto di qualità.
Per tradurre uno schema elettrico, semplice o complesso che sia, in una base sicura ed affidabile per il prodotto finito, è fondamentale conoscere le problematiche legate alla produzione del PCB, al montaggio e alla saldatura dei componenti, alle caratteristiche fisiche delle parti, al comportamento elettrico del circuito.

PCB e PCB

Un Master improvvisato può facilmente tradursi in un PCB con un costo al pezzo più alto a causa di parti che ricadono dentro standard di produzione più costosi o presentare alti costi di attrezzaggio per la scarsa uniformità dei tools e dei files.
I nostri Master sono sempre realizzati in modo da tenere al minimo questi costi, con l'uso corretto dei dimensionamenti e del numero di tools, semplificando il lavoro della PCB factory.

Un circuito stampato può presentare criticità, valori di tolleranza inutilmente restrittivi o dimensionamenti scorretti che portano ad un'alta difettosità in produzione oppure può essere male interpretato dal fabbricante a causa di errori o mancanze presenti nei files di fabbricazione.
Creare master ottimizzati anche dal punto di vista dell'utilizzo delle tolleranze e dei dimensionamenti, presentare files ordinati, correttamente formattati e verificati rende agevole il lavoro di produzione, scongiurando la maggior parte dei problemi di difettosità.

Un PCB disegnato senza tenere conto dei processi di saldatura e assemblaggio è l'incubo degli assemblatori e porta inevitabilmente ad un aggravio dei costi:
- posizionamento dei componenti sfavorevole;
- rapporto distanza/altezza tra parti SMT errato;
- meccanica dei componenti imprecisa;
- livello di standardizzazione delle preformature scarso;
- diametri di foratura o dimensione piazzole inadeguati;
- utilizzo non strategico del solder resist;
- generazione non ottimizzata della Paste Mask;
- serigrafia componenti poco chiara e documentazione insufficiente;
sono tutte cause di problemi e di rallentamenti in sede di assemblaggio che portano anche, specialmente in sede di saldatura, a difettosità frequente.
Il posizionamento dei componenti è l'attività che veramente fà la differenza tra un PCB ed un ottimo PCB. Un layout ben studiato, che tiene conto di come il circuito sarà assemblato, accontenta tutti: costi bassi, lavoro senza complicazioni ed alta affidabilità del prodotto finito. E, perché no, un impatto estetico superiore, che valorizza ulteriormente il prodotto.

Tutte le connessioni elettriche devono essere fisicamente concretizzate: il processo di routing stabilisce le strategie di connessione e le realizza con un procedimento (lo sbroglio) che è il più pesante e complesso nella realizzazione del master. L'utilizzo di autorouting, di un numero eccessivo di vias, di tracce dimensionate impropriamente e dal percorso poco o per nulla pianificato, rendono il funzionamento del circuito imprevedibile e inaffidabile e gli conferiscono un aspetto disordinato e poco professionale.
L'attività di routing è certamente considerata della massima importanza e non viene mai affidata ad un algoritmo; viene sempre svolta con l'intento di rispettare e ottimizzare le topologie circuitali, utilizzando elaborate strategie che conducano ad un minore numero di layers, minor numero di vias, tracce più corte e ordinate, Pad Entries puliti e con rinforzi dove ci siano stress meccanici e percorsi che garantiscano l'integrità dei segnali o il trasporto di adeguate correnti; l'instaurazione di una stretta collaborazione con il progettista del circuito elettrico fa sì che possano essere rispettati i criteri alla base del progetto.

© Copyright 2008, GLR engineering - Roma. Tutti i diritti riservati.         P. IVA 07050280580